Blog

M-commerce: ecco il trend del 2016
July 29th, 2016 3:45 pm


Mobile commerce o app commerce? Questo è il dilemma. 

A risolverlo è la ComScore, società di ricerca sul web, che fornisce servizi e dati per il marketing, che nel mese di luglio ha svolto una ricerca a tal proposito.

Dall’analisi si evince che il numero di persone, in Europa, che acquistano con il proprio smartphone, tramite il browser, sono superiori a chi utilizza le app per dispositivi mobili. 

La Francia ha registrato un +25%, +23% la Spagna, +22% l’Italia, +8% la Germania e infine +1% il Regno Unito

Tanto curioso quanto importante notare come in Germania e nel Regno Unito, digitalmente più evoluti rispetto agli altri stati presi in esame, il divario che separa browser e app sia quasi minimo.

Necessario è poi tenere in considerazione che tutti questi dati sono condizionati dal fatto che il percorso di installazione di un’applicazione passa attraverso vari livelli di consapevolezza da parte dell’utente e quindi, seppur in parte, chi sca...
Vuoi sapere come cambierai? Chiedilo a Dreambit
July 28th, 2016 11:46 am



Lui chi è? Sei tu, tra 30 anni. Fantascienza? No. Dreambit. Si tratta di un software rivoluzionario, nato tra i banchi dell’Università di Washington e appena presentato alla Siggraph 2016, la più grande conferenza mondiale sulla grafica al computer e le tecnologie interattive.  

Grazie a questo programma, partendo da una fotografia reale, è possibile vedere come cambia il volto di una persona, non solo sulla linea del tempo, invecchiando o ringiovanendo, ma anche variando il colore dei capelli e il look. 

Per farlo Dreambit - che potrebbe essere già scaricabile tra un anno - incrocia le informazioni che gli vengono fornite (foto e dati personali) e analizza tutte le immagini disponibili su internet, fino ad elaborare quella più somigliante al viso del soggetto, modificato dalla nuova acconciatura o dal tempo, con una percentuale d’errore pari solo all’1%.

Questo risultato è stato raggiunto combinando in un unico algoritmo tutta la tecnologia esistente: ricono...
La lotta al terrorismo si combatte (anche) sul web
July 26th, 2016 12:16 pm



I Social network non devono essere megafono dei terroristi



Bombe umane, coltelli, kalashnikov e... web, social network in particolare. Sì, avete capito bene: anche la tecnologia rientra tra le armi che i terroristi utilizzano per seminare paura e morte. 

Facebook, YouTube, Twitter, sono solo i principali canali online grazie ai quali l'Isis rivendica i suoi attentati e promuove i suoi piani nonché le sue “conquiste”, mostrando al mondo immagini di una violenza inaudita e che i media, combattuti tra diritto d'informazione e deontologia, rimbalzano sulle TV e sulle prime pagine dei giornali.


Ecco che quindi il web, democratico e immenso, diventa principale megafono di terrore.
 
 
Alzare le barriere difensive e invertire il senso di marcia


Battere l'Isis con le sue stesse armi si può. Anzi si deve. Tanto che YouTube e Facebook hanno già studiato una tecnologia in grado di bloccare i contenuti troppo cruenti, come le decapitazioni degli ostaggi, girati e diffusi...
Pokémon Go a caccia di record
July 20th, 2016 3:34 pm


“Rallenta, dentro la rotonda c’è un Pokémon che devo catturare”. “Certo! L’hai preso?”. Conversazioni normali (e paranormali) da qualche settimana a questa parte tra le strade della città. 

La febbre dell’ormai famosa App Pokémon Go, sviluppata da Niantic, sembra aver contagiato mezzo mondo, arrivando - da qualche giorno - anche in Italia


Ma, mentre per qualcuno, vedere ragazzi dai 20 ai 30 anni che con il cellulare vanno a caccia di mostriciattoli colorati in giro per la città, può rappresentare una follia, Nintendo, che ha commissionato la creazione del videogioco, festeggia un successo finanziario andato ben oltre le aspettative degli analisti. 

A sole due settimane dal lancio mondiale del gioco, le azioni dell’azienda giapponese hanno infatti registrato un incremento del 52%. La capitalizzazione di mercato di Nintendo ha raggiunto 4.500 miliardi di yen (42,4 miliardi di dollari), superando quella di Sony.

Un giro d’affari da record che sembra...
Quando anche l’uomo indosserà la minigonna
July 19th, 2016 11:11 am


Lo diceva Coco Chanel, voce, cuore e mani di grandi innovazioni nella moda femminile: “Un uomo può indossare ciò che vuole. Resterà sempre un accessorio della donna.” 

Un accessorio... in giacca e cravatta, poiché, in nome della galanteria, deve essere la donna, con i suo i abiti svolazzanti e colorati, a risplendere di fianco ad un completo scuro e distinto.
 
Questo accadeva nei primi decenni del ‘900. Eppure oggi, 2016, mentre tutto quotidianamente si innova, dalla tecnologia ai mezzi di trasporto, dagli elettrodomestici alle istituzioni, la moda bon ton maschile arranca, imbavagliata in uno stretto e caldo smoking, ormai pieno di ragnatele.

Colpa delle grandi case di moda? No. Navigando tra le pagine internet delle principali marche, incappo in Armani, linea classica, che, oltre all’amato doppio petto, propone vestiti eleganti per l’uomo ben lontani per fattezze e materiali dal vecchio completo: pantaloni di seta con risvolto, camicia larga e aperta, giacca co...